Riccardo Testa, medico chirurgo specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica


Modulo per richiesta informazioni
Desidero informazioni su
Nome
Cognome
Città
E-mail
Telefono
Potete contattarmi in questi orari:
Le mie richieste:
Allego una foto (opzione facoltativa):

Acconsento al trattamento dei dati secondo il D.L. 196/03
 

Rinoplastica e settoplastica

La rinoplastica e la settoplastica sono interventi di chirurgia plastica estetica progettati per rimodellare la forma del naso, parzialmente o per intero, con finalità estetica o funzionale cioè quando vi sono difficoltà nella respirazione nasale (setto deviato, turbinati ipertrofici, deficit delle valvole nasali).
L'obiettivo finale è quello di rimodellare un naso rispettando l'armonia del volto e la personalità del paziente e mantenendo al contempo un aspetto naturale.
Le correzioni possono variare, dall'eliminazione di una piccola gobba alla ricostruzione totale di tutte le strutture nasali (esterne e interne). Durante la rinoplastica è anche possibile associare degli interventi per migliorare l'armonia complessiva del profilo (ad esempio, la mentoplastica).

Per chi sono indicati gli interventi
La rinoplastica apporta modifiche alle cartilagini e alle ossa del naso, si viene quindi a creare una nuova struttura su cui la pelle si riadatta completando il rimodellamento.
Le visite pre-operatorie permettono di analizzare accuratamente i difetti estetici e funzionali presenti, le aspettative motivazionali e la personalità del paziente nonché di valutare e discutere le modifiche e le correzioni da apportare.

In cosa consiste l’intervento
In base al tipo di difetto da correggere l’intervento può essre praticato in anestesia generale o in anestesia locale con sedazione.
Generalmente l’intervento viene praticato in day-hospital: il paziente viene quindi dimesso in giornata e solo occasionalmente può essere necessario il ricovero di una notte in clinica.
La durata dell’intervento in media va da 45 minuti a 2 ore.
Le incisioni per la rinoplastica sono normalmente eseguite all’interno delle narici, ma talvolta, a seconda del tipo di difetto da correggere, possono essere fatte anche a livello della columella (area che separa le narici) o alla base delle narici.
Queste incisioni esterne sono utilizzate principalmente per interventi di rinoplastica più complessi (in caso di naso già operato, interventi particolari sulla punta del naso).
Prima dell’intervento si devono fare degli esami del sangue, un esame endo-nasale e, se necessario, una TAC del massiccio facciale.

Le tecniche chirurgiche che possono essere applicate a ciascuna zona del naso per correggere le imperfezioni sono:

  • rinoplastica per rimodellare il dorso e la punta del naso
  • settoplastica, finalizzata a correggere i difetti del setto nasale con tecniche che vanno dal riposizionamento in asse del setto e all’eventuale rimozione della porzione di setto nasale deviata fino, nei casi più gravi, alla completa rimozione del setto nasale, al suo rimodellamento e al successivo reimpianto (settoplastica extracorporea).È importante sapere che la rimozione di alcune specifiche aree del setto nasale può causare delle deformità postoperatorie che si evidenziano e peggiorano nei mesi successivi all’intervento.
    È quindi fondamentale posizionare già al momento della settoplastica adeguati innesti di cartilagine che forniscano il giusto supporto alle strutture nasali in modo da prevenire ogni successivo difetto.
  • Turbinoplastica per ridurre i turbinati inferiori ipertrofici.
    I turbinati inferiori sono strutture all’interno del naso che se particolarmente ingrossati possono impedire il passaggio dell’aria e quindi una corretta respirazione nasale.
Decorso post-operatorio
Il decorso post-operatorio è solitamente poco doloroso. Il disagio risiede soprattutto nell'impossibilità di respirare con il naso durante i primi giorni, a causa dei tamponi endonasali (si è soliti, nei casi di interventi funzionali, collocare dei tamponi che saranno rimossi il giorno seguente all’operazione). Se si esegue solo una rinoplastica estetica i tamponi non sono necessari. Si formano lividi e gonfiore intorno agli occhi, che possono svanire più o meno velocemente, a seconda del paziente (mediamente 7-10 giorni). Per evitare la formazione di croste si prescrivono apposite pomate e lavaggi nasali. Infine, per modellare la forma è necessario applicare un piccolo gesso per 7-10 giorni. Dopo la rimozione del gesso, il risultato è solo parziale: l’edema del dorso e della punta del naso si riassorbe solo dopo qualche settimana. Il tempo di recupero può andare da 10 a 15 giorni a seconda dell’intervento. Per potere valutare correttamente l’esito della rinoplastica devono passare almeno 2 o 3 mesi ma in genere il risultato viene considerato stabile dopo un anno dall’operazione.

 

Informazioni sull'intervento

Durata intervento
da 45 minuti a 2 ore
Anestesia
locale con sedazione, generale
Medicazioni
2-3 medicazioni
Ritorno al sociale
Dopo 10-15 giorni





Chirurgia estetica corpo e seno
Chirurgia estetica viso
Chirurgia plastica ricostruttiva
Medicina estetica